"Farnesina e Touring Club: nel mondo per l’Italia"

Nuova partnership tra MAE E TOURING CLUB per promuovere il turismo di qualità nel nostro Paese

Gli italiani all’estero svolgono un ruolo fondamentale per la promozione del Sistema Paese e per il rilancio dell’economica italiana. Per questo il Ministero degli Esteri ha deciso di collaborare con il Touring Club Italiano per dare vita ad una iniziativa che rilanci il “brand Italia” sia presso i nostri connazionali, ma anche nei riguardi dei turisti stranieri.

"Farnesina e Touring Club: nel mondo per l’Italia" il nome del progetto concretizzatosi in un protocollo siglato alla Farnesina dal segretario generale del Mae, ambasciatore Michele Valensise, e dal Presidente del Touring Club, Franco Iseppi. Presenti alla firma del protocollo il viceministro degli Esteri Bruno Archi, l’ambasciatore Cristina Ravaglia, i senatori eletti all’estero del Pd Claudio Micheloni, Renato Turano e Franco Giacobbe, e molti ambasciatori.

Con l’accordo, nasce la "Carta socio estero” che garantisce sconti e servizi selezionati dal Tci per connazionali e turisti; progetto che il Ministero si impegnerà a diffondere attraverso la sua rete diplomatico-consolare.

A fare gli onori di casa l’ambasciatore Cristina Ravaglia, capo della Dgiepm, che ha sottolineato come lo slogan scelto, "Nel mondo per l’Italia", sintetizzi "la missione che da sempre ha il Ministero degli Esteri", che, con la carta "socio estero" formalizza "un impegno condiviso" col Touring Club.

"Il TCI è un partner "prestigioso" - ha aggiunto Valensise - con una storia "ultracentenaria" e "un marchio di qualità che ci aiuterà a sviluppare meglio le potenzialità del turismo italiano". L’accordo, ha proseguito, "si inquadra bene nell’azione che il Mae vuole realizzare a sostegno del Sistema Paese, soprattutto nel particolare momento economico di oggi". Ma, ha sottolineato, con una "dimensione che va oltre l’economia: con questo progetto vogliamo abbinare la migliore promozione della cultura e della bellezza del nostro Paese con la nostra ricca e importante comunità italiana all’estero". La carta "socio estero", secondo Valensise, "è un’opportunità per i nostri connazionali, ma non solo. Pensiamo con ammirazione, orgoglio e rispetto agli italiani che vivono all’estero e che, speriamo, saranno invogliati un po’ di più a scoprire le loro radici e i luoghi dove hanno vissuto i loro avi, per essere "ricollegati" meglio all’Italia. Non volgiamo essere velleitari, ma questa è iniziativa concreta".

Nel dettaglio, il titolare della carta potrà avere vantaggi e facilitazioni: secondo una stima fatta dal Touring Club, un turista "medio", che scegliesse un itinerario a Venezia, potrebbe risparmiare con la carta 50 euro al giorno. "Abbiamo già avuto la prima iscrizione via mail da una connazionale in America", ha annunciato Valensise, che ha aggiunto: "il nostro obiettivo è quello di raggiungere un turismo di qualità, ma anche ad ampio spettro, in grado di dare una mano alla situazione dell’Italia. Intendiamo sviluppare questo filone anche attraverso i nostri Istituti Italiani di Cultura, una rete che certo non può sostituire gli enti che si occupano di turismo, ma che è anche in grado di promuovere attività diverse dall’approfondimento culturale tradizionale".

La carta "socio estero" ha un costo di 25 euro; ci si iscrive dal sito dedicato www.touringcard.it, al momento bilingue (italiano e inglese) e si paga con carta di credito. Sul portale sono illustrati tutti i servizi e le convenzioni, selezionate dal Tci. Si tratta di 6.000 esercizi, tra Musei, ristoranti, centri benessere, parchi naturali. Il sito consente di prenotare online l’autonoleggio, così come un biglietto del treno, una camera in albergo o una visita turistica.

L’iscrizione dà vita ad una "tessera virtuale" che dà accesso da subito ai servizi, mentre la carta vera e propria arriverà al domicilio estero del connazionale, o del turista straniero, nei giorni successivi all’iscrizione.

Infine, il sito contiene tutte le mappe dell’Italia accessibili da mobile, dunque smartphone e tablet, che forniscono informazioni geolocalizzate in Italia, per cui possono essere scaricate convenzioni, eventi e proposte per il week end nella località in cui ci si trova in quel momento.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 19/07/2013 — ultima modifica 19/07/2013
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it