Scomparso a Cesena Gianfranco Zavalloni, uomo di pace e di cultura

Era tornato da pochi mesi da Belo Horizonte, dove è stato per quattro anni responsabile dell’Ufficio Scuola del Consolato
Scomparso a Cesena Gianfranco Zavalloni, uomo di pace e di cultura

Gianfranco Zavalloni

E’ scomparso a soli 54 anni a Cesena Gianfranco Zavalloni, per 16 anni maestro elementare, poi dirigente scolastico a Sogliano al Rubicone in Romagna, e dal 2008 a marzo di quest’anno responsabile dell'Ufficio Scuola del Consolato d'Italia di Belo Horizonte, in Brasile.

Gianfranco Zavalloni è stato molte altre cose: ecologista, uomo di pace, burattinaio per passione, teorico della “pedagogia della lumaca” come della “contadinanza” attiva. Ha scritto molti testi sulla scuola creativa, l’ecologia, la scuola di pace, curandone spesso anche le illustrazioni. A 51 anni era riuscito a coronare l’antico sogno d’amore per l’America Latina grazie al ruolo di dirigente scolastico che gli era stato assegnato al consolato di Belo Horizonte. Non era stato difficile, per un uomo appassionato come lui, animato da un fortissimo senso di giustizia e di solidarietà, farsi apprezzare e amare anche in Brasile. A Belo Horizonte nel 2011 è stata ospitata una mostra con i suoi disegni. Zavalloni aveva anche coordinato nel dicembre 2010 una Giornata di studi sull’emigrazione dedicata alle vicende dei minatori romagnoli nel Minas Gerais, promossa dall’Associazione degli emiliano-romagnoli del Minas Gerais e sostenuta dalla Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo. Da qualche mese Gianfranco era tornato a vivere a Cesena per sottoporsi a un delicato intervento chirurgico che non ha avuto, purtroppo, esito positivo.

Azioni sul documento
Pubblicato il 11/09/2012 — ultima modifica 11/09/2012
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it