Spazio giovani

Oltre 100 anni di emigrazione femminile italiana in Germania

Il 4 ottobre a Modena sarà presentato il volume di Lisa Mazzi "Donne mobili. L’emigrazione femminile dall’Italia alla Germania (1890-2010)"
Oltre 100 anni di emigrazione femminile italiana in Germania

Emigrati italiani in Germania

Giovedì 4 ottobre, alle ore 18.00 presso la Sala incontri Galleria Europa (Piazza Grande, 17 – Modena) si terrà un dialogo socio-culturale tra Serena Ballista (Centro Documentazione Donna) e Lisa Mazzi autrice del volume “Donne mobili. L’emigrazione femminile dall’Italia alla Germania (1890-2010)”, Cosmo Iannone editore, 2012.

Ambulanti, musiciste, tessitrici, braccianti, operaie, casalinghe, e naturalmente anche mogli e madri; in tempi più recenti architetti, docenti, ricercatrici universitarie, attrici, libere professioniste. Un tempo partivano per seguire la famiglia, il padre o il marito, sempre più spesso oggi lo fanno per propria autonoma iniziativa, per amore o per cercare fortuna. È dall’inizio dell’Ottocento che si hanno tracce di emigranti donne partite dall’Italia verso la Germania: un fenomeno che è continuato in forme sempre diverse fino ad oggi. Dell’emigrazione italiana nel mondo si sa molto ormai, ma poco si è scritto sulla partecipazione delle donne. Meno ancora si è detto dei cambiamenti sostanziali di vita e di cultura che le donne espatriate hanno dovuto affrontare nelle nuove realtà. In particolare una storia dell’emigrazione femminile in Germania finora non era stata scritta, pur essendo stato questo tema nel recente passato oggetto di discussioni, contributi e congressi. A sopperire la lacuna ci pensa ora il volume scritto da Lisa Mazzi. “Lo “specifico femminile” delle donne migranti può essere definito con due parole chiave – spiega l’autrice -  La prima è il “viaggio”, inteso come profonda ricerca del proprio io, un desiderio di apprendere attraverso l’ambiente estraneo qualcosa di più di se stesse. La seconda è la “fuga”, cioè l’impossibilità di fare diversamente”.

Introduce l’incontro Fiammetta Barbieri Presidente Associazione Culturale Italo-Tedesca di Modena (ACIT). Porta i suoi saluti  Marcella Nordi Assessore alle Pari opportunità del Comune di Modena.

Info: Tel. 059 2032602

Azioni sul documento
Pubblicato il 25/09/2012 — ultima modifica 25/09/2012
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it