Spazio giovani

La "Società Garibaldi", la prima Società Italiana di Mutuo Soccorso di Mar del Plata

Fondata nel 1884 sull’esempio della “Sociedad Española Puerto de Mar del Plata”
La "Società Garibaldi", la prima Società Italiana di Mutuo Soccorso di Mar del Plata

Garibaldi

A metà del 1874 Mar del Plata era una cittadina di soli tre mesi, ma già in essa abitavano immigranti di ogni sorta di nazionalità, ma soprattutto italiani e spagnoli ed anche alcuni francesi che approdarono in queste terre. Tutti loro cominciarono ad organizzarsi in diversi tipi di società che, tra le altre, si occupavano di ricreazione e adunate varie per non perdere né la propria lingua, né le proprie tradizioni. Dal 1881 cominciarono a costituirsi delle Società Mutualistiche che rappresentavano un paesello od una regione, offrendo diversi servizi ai loro soci, come ad esempio la cura medica. Queste nuove società fecero possibile il contatto tra i membri di una stessa collettività, bisognosa di aver a che fare con i suoi conterranei, con gli stessi costumi e le stesse abitudini. Nonostante le diverse società si raggruppassero d´accordo alla loro regione, al momento delle rivendicazioni sociali come la salute, esse privilegiarono la nazionalità. È bene dire però, che esse hanno avuto la necessità di rivolgersi alle autorità nazionali del paese ospite per la riuscita dei loro obiettivi, centrati fondamentalmente nella salute dei loro membri. Quale fu la prima società mutualistica? Ci rincresce dirlo ma non siamo stati noi italiani a crearne la numero uno. Sí lo sono stati invece gli spagnoli. Questa prima società sorta a mar del Plata nel 1881 fu la “Sociedad Española Puerto de Mar del Plata” che, due anni dopo inaugurò il Teatro Colón in cui recitarono due compagnie teatrali: una di “zarzuelas españolas” e un´ altra drammatica. Poco tempo dopo e per divisioni nel suo interno, nel 1899 essa si trasformò in “La Fraternidad” e, nell´anno 1905 divenne la Sociedad Cosmopolita de Socorros Mutuos “Sociedad Española Unión y Fraternidad” . Quanto agli italiani, il 20 settembre del 1884 i residenti italiani fondarono la “Società Italiana di Mutuo Soccorso Giuseppe Garibaldi”. L´Atto di fondazione inizia a questo modo: “ Assemblea Generale. 20 settembre 1884. Nel Porto di Mar del Plata il giorno sopracitato e riuniti nella casa del Sig. Miguel Urrutia, una parte della colonia italiana ici residente,nelle persone dei sottoscritti, per festeggiare il 14mo. anniversario del coronamento dell´edificio dell´Indipendenza Nazionale con Roma Capitale, all´unanimità di voti, si decide di costituire una Società Italiana di Mutuo Soccorso con il proposito di consolidare i vincoli di affetto di cui sempre diedero prova i figli di Italia, proteggersi e aiutarsi cordialmente, mantenendo vivo il ricordo della lontana patria...” Il primo Presidente fu Don Carlos Laffranconi che, con le proprie mani, fabbricò alcuni dei primi mattoni con i quali furono erette le case di quella che sarebbe in seguito, la grande città che è oggi Mar del Plata. L´8 novembre 1888, Julio P. Celesia per ordine di Pedro Luro che a quel momento era tornato in Francia per non ritornare, vendette alla Società Italiana il “terreno nº 10 dell´isolato 34”,di 43,30 metri sulla Via Hipólito Yrigoyen, per 17,32 sulla oggi Via Moreno, al prezzo di $ 200.- moneta nazionale.In quel posto, Fernando Lemmi costruì la sede sociale: il famoso Salone Garibaldi sul pavimento del quale non vi fu marplatense che non abbia fatto i suoi primi passi ballando in coppia. L´edificio – a quel tempo molto importante- si mantenne in piedi fino i primi anni della decade del 1980. La facciata su Hipólito Yrigoyen era simmetrica ed aveva due grandi porte. Nella soglia di quella più vicina a Via Moreno c´erano delle iniziali ed una data: “F.L.C. 1894”(Ferdinando Lemmi, costruttore e data di edificazione). Se oggi esistesse detto edificio, sarebbe un tesoro architettonico. Gli italiani in seguito ebbero una propria festa: la festa dei pescatori che, ancor oggi presenta spettacoli popolari, sfilate di barche pescherecce nelle ore notturne ed ogni tipo di manicaretti elaborati sulla base dei prodotti di mare. La musica fu parte essenziale della cultura immigrante in cui il rame e i bronzi delle bande, suonavano negli spazi all´aria aperta, soprattutto la domenica o nelle date patriottiche. Inoltre, partecipavano alle sagre, alle serenate dedicate a qualche ragazza single o ai funerali di qualche vicino illustre. Nel 1895 apparve a Mar del Plata una banda di musica creata da Lorenzo Ciachetta dal nome “La Popular” . La banda interpretava un repertorio vario percorrendo le vie del centro (San Martín e San Luis); suonando la sua musica mentre i vicini si affacciavano al suo passaggio. Questa tradizione popolare finì con la creazione della Banda Municipale nel 1919. Il 20 settembre 1899, viene fondata un´altra società italiana: la XX Settembre a iniziativa di Miguel Urcioli e Basilio Mastracuso. Durante moltissimi anni ci furono due società italiane che finalmente terminarono fondendosi. Questo desiderio di unione venne espresso reiteratamente nell´anno 1934 in un opuscolo che commemora il cinquantenario de “La Garibaldi” in cui si mostra l´inaugurazione del grande “Panteon Italiano” del cimitero de “La Loma”, opera di Galileo Mancini. Oggi giorno la Società Italiana di Mutuo Soccorso, ha la sua sede sulla Via Hipólito Yrigoyen 1953.

Luciano Fantini, Mar del Plata, Argentina

Azioni sul documento
Pubblicato il 02/05/2014 — ultima modifica 02/05/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it