Spazio giovani

Gli italiani d'Argentina celebrano insieme il 2 giugno

A Mar del Plata la comunità emiliano romagnola, con le altre, festeggia i 68 anni della Repubblica Italiana
Gli italiani d'Argentina celebrano insieme il 2 giugno

Festa della Repubblica

La comunità italiana di Mar del Plata, accompagnata dalle autorità municipali, ha commemorato il sessantottesimo anniversario dalla nascita della Repubblica d´ Italia, tenutosi nella hall del Museo d´ Arte Contemporaneo. Alla cerimonia erano presenti il Console d´ Italia, Dr. Marcello Curci, il Segretario di Cultura municipale, Sig. Leandro Laserna, la Segretaria all´Educazione del Municipio, Mg. Mónica Rodríguez Sammartino, il Consigliere del COMITES di Mar del Plata Gustavo Velis, il presidente di FEDELAZIO Santiago Laddaga, il presidente dell’AGIM Leonardo Dorsch, il presidente dell’Associazione Giovani Lucani nel Mondo Gianni Quirico, il presidente del Centro Laziale Marplatense Luciano Angeli, i rappresentanti dell’Associazione Emilia Romagna di Mar del Plata Luciano Fantini, Julieta Paladino e Maximiliano Angelico e le autorità delle altre società italiane di Mar del Plata.

“Dopo la tragedia umana come lo è stata la Seconda Guerra Mondiale in cui si calcola la morte di 20 milioni di persone, i politici di allora dovettero riunirsi per diagrammare nuove politiche, affinché azioni di quel genere non si ripetessero mai più”, così si espresse il Console d´Italia. A sua volta, comunicò che “Buenos Aires (in rappresentanza dell´Argentina) parteciperà alla Mostra Internazionales di Milano 2015 dal titolo “Alimentare il pianeta: l´energia per la vita”. Questa sarà la seconda Mostra o Esposizione Internazionale Registrata ( denominata anche Esposizione Universale, dato che i suoi obiettivi sono la promozione e la comunicazione). Codesta Esposizione verrà regolata dall´Ufficio Internazionale delle Esposizioni ed avrà luogo dal 31 maggio al 31 ottobre 2015. Chi vi partecipi al tema principale, potrà abbordare uno dei seguenti temi: Scienza per la sicurezza e la qualità alimentare, Innovazione quanto alla catena di provviste alimentari dell´agricoltura e del bestiame, Tecnologia per l´agricoltura e la biodiversità, Educazione nutrizionale, Solidarietà e cooperazione quanto agli alimenti, cibi o nutrimenti che riescano a migliorare il nostro livello di vita, Cibi o alimenti nelle culture del mondo e gruppi etnici. I sub-temi si potranno affrontare in tre fasi: processi in sviluppo, consumatori, prodotti e governabilità. In quell´ ambito, il Segretario di Cultura - Sig. Laserna- ringraziò l´invito “a nome del Sindaco Comunale, Sig. Gustavo Pulti e porse il saluto e le congratulazioni di ambedue le autorità municipali alla collettività italiana”. Prosseguendo con le sue parole, il Segretario di cui sopra, tenne a sottolineare “la strada fatta assieme in tutti questi anni a Mar del Plata e, fondamentalmente, l´eredità della cultura del lavoro che gli emigranti italiani seppero seminare nella nostra comunità”. Dal suo canto, la Segretaria all´Educazione dichiarò di sentirsi “onorata dall´invito del Sig. Console, sottolineando che è stato un piacere condividere con la collettività italiana, questa data che unisce tutti gli abitanti della città, siano essi italiani, discendenti, e anche argentini ”, aggiungendo inoltre, che l´occasione serve per incontrarsi nuovamente con tutte le associazioni italiane che brindano il loro auspicio all´insegnamento della lingua italiana in nove scuole materne municipali”. Creazione della Repubblica Il 2 giugno 1946, il popolo italiano dovette decidere tra la Monarchia e la Repubblica. La voce popolare si manifestò attraverso un referendum il cui risultato segnò la fine della monarchia. Finita la Seconda guerra Mondiale e la caduta del fascismo, il popolo italiano fu chiamato al referendum in mezzo alla grave crisi politica, sociale ed economica che stava attraversando l´ Italia monarchica come conseguenza degli atti bellici e delle decadi di dettatura. La creazione della Repubblica nell´ambiente giuridico conferito da una nuova Costituzione entrata in vigore il 1º gennaio 1948, fu un punto d´inflessione nella storia italiana. Da quel momento in poi ebbe inizio l´arduo e lento compito di ricostruzione politica e materiale dello Stato, processo che in seguito condusse l´ Italia ad essere -oggi- annoverata tra le più importanti potenze mondiali.

Luciano Fantini, Mar del Plata, Argentina

Azioni sul documento
Pubblicato il 08/06/2014 — ultima modifica 10/06/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it