Spazio giovani

Gli emiliano romagnoli d'Argentina ricordano Lucio Dalla

Da Buenos Aires una grande testimonianza d'affetto per il cantante bolognese
Gli emiliano romagnoli d'Argentina ricordano Lucio Dalla

Lucio Dalla

BUENOS AIRES Sono Carlos Nadalini da Buenos Aires, molto legato alla cultura e alle tradizioni di Bologna dato che sono nipote di bolognesi. Non sono ancora stato di persona a “Bulaggna”, ma credo di conoscerla abbastanza bene anche da lontano.  Il 1 Marzo, a noi tutti emiliano romagnoli di Argentina ha colpito una notizia: ci ha lasciati Lucio Dalla!  Il cantautore che è diventato un simbolo della città petroniana , e senza dubbio una parte importante della bolognesità. Voglio ricordare anche io il nostro, Lucio Dalla, nato a Bologna il 4 marzo 1943 e lì a Bologna comincia da giovane a suonare in varie formazioni jazz. Tempo dopo, già come tipico cantautore bolognese inaugura un tipo di spettacolo  a metà strada tra il concerto e il teatro. Apre anche una collaborazione con il poeta Roberto Roversi (1973-1976) che attraverserà 4 anni e 3 album.
Le sue canzoni più famose sono: Anna Bellanna, Com’è profondo il mare, Piazza Grande, Disperato erotico stomp, dove dice che "nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino", Cos’è Bonetti, dove si riferisce al suo musico e amico Alessandro Bonetti, Attenti al lupo ecc. Si dice che il capolavoro di Lucio Dalla sia Caruso.                                                                                                        

Lucio era un cattolico praticante che nella sua musica parla di una presenza di Dio, Gesù bambino, Se io fosse un angelo, dove esprime che :"Se io fosse un angelo,...sarei un buon angelo, parlerei con Dio, gli ubbidirei amandolo a modo mio, gli parlerei a modo mio...". Di sicuro che adesso Lucio è un nuovo angelo, a modo suo;  e si trova accanto al Signore dato che cercava di vivere da cristiano e dare un senso alla sua vita sopratutto attraverso il lavoro e cercando di dare il meglio di lui, come sentiamo in Piazza Grande: "A modo mio quel che sono l'ho voluto io..."
Mi sembra strano parlare di Lucio in tempo passato perché lui sarà sempre presente quando si parla di Bologna e della sua cultura.
Da Buenos Aires porgiamo una preghiera e le più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici.


Carlos Nadalin, Buenos Aires (Argentina)

Azioni sul documento
Pubblicato il 06/03/2012 — ultima modifica 06/03/2012
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it