Spazio giovani

A San Paolo una mostra sulla pittura italiana tra le due guerre

Quasi tutte le opere esposte provengono dalla collezione dell'industriale italo brasiliano Francisco Matarazzo
A San Paolo una mostra sulla pittura italiana tra le due guerre

Achille Funi - A Adivinha,1924

A San Paolo (Brasile), è stata inaugurata la mostra “Classicismo, Realismo, Avanguardia: Pittura Italiana tra le due guerre” che presenta 81 opere della collezione del Museo di Arte Contemporanea della Università di Sao Paolo (USP). La mostra è curata dalla Dott. Ana Magalhães (professoresa dal MAC-USP) e sarà visitabile fino al 27 luglio. In questo percorso di studio e di riflessione, ci piace sottolineare che 71 sono i quadri italiani acquisiti fra il 1946 e il 1947 dall’industriale italo-brasiliano Francisco Matarazzo Sobrinho e da sua moglie, la “socialite” brasiliana Yolanda Penteado discendente da una grande famiglia dell’aristocrazia del caffè. “Ciccillo” Matarazzo oltre all’attività di direttore d’azienda fu un grande sostenitore delle arti plastiche a San Paolo. Nel 1946 fondò il Museu de Arte Moderna de São Paulo e nel 1951 la Bienal Internacional de Arte de São Paulo, impresa che dirisse fino alla morte. Fu anche tra i fondatori del Teatro Brasileiro de Comédia (TBC) e di due studi della Companhia Cinematográfica Vera Cruz. Fra i pittori italiani in mostra, ci sono Gino Severini, Scipione, Mario Mafai , Achille Funi e Felice Casorati. Saranno esposte anche dieci quadri degli artisti brasiliani che hanno avuto un rapporto con l'ambiente artistico italiano fra le due guerre, come Candido Portinari e Aldo Bonadei.

Più informazioni sul sito: http://www.mac.usp.br/mac/EXPOSI%C7OES/2013/italiana2/apresentacao.htm

 

Thais Rosa Brugnara, Santa Maria, Brasile

Azioni sul documento
Pubblicato il 22/01/2014 — ultima modifica 22/01/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it