Le Associazioni di Emiliano-romagnoli all'estero

Le associazioni e le federazioni di associazioni di Emiliano-romagnoli nel mondo sono raccolte in un apposito Elenco regionale.

In base alla legge 5/2015, vengono iscritte le Associazioni e le Federazioni fra Associazioni di emiliano-romagnoli all’estero, aventi sede nei paesi ospitanti, che:

  • sono costituite in tutto o in parte da emiliano-romagnoli emigrati e loro discendenti;
  • hanno uno statuto a base democratica
  • presentano il programma biennale delle attività

Le Federazioni debbono essere composte da almeno tre Associazioni di emiliano-romagnoli all’estero.

I requisiti più dettagliati e le modalità di iscrizione nell'elenco sono disciplinati da un atto dell'Assemblea legislativa, emanato su proposta del Presidente della Consulta, previo parere della commissione assembleare competente.

Chi può iscriversi

Possono presentare domanda di iscrizione all'elenco regionale le Associazioni e le Federazioni fra associazioni di emiliano-romagnoli aventi sede nei Paesi ospitanti che abbiano le seguenti caratteristiche:

a) essere senza fini di lucro;

b) operare con continuità a favore degli emiliano-romagnoli all'estero;

c) svolgere attività e funzioni di carattere sociale, culturale e formativo coerenti con i principi con i principi generali e le finalità di cui all'articolo 1 della L.R. n. 5/2015;

d) avere un numero di associati non inferiore a 35, di cui almeno il 30% di  origine emiliano-romagnola, di età minima di anni 18.

Potranno essere iscritte anche associazioni che abbiano almeno 25 soci se:

1. l'associazione sia l'unica avente sede nel Paese ospitante

2. tra la sede dell'associazione richiedente e quella di altre associazioni presenti nel medesimo paese ospitante vi sia una rilevante distanza chilometrica.

Modalità

La domanda di iscrizione all'elenco regionale dovà essere presentata utilizzando l'apposita modulistica:

  • Domanda di iscrizione, compilata in tutte le sue parti e firmata dal presidente dell'associazione o della federazione tra associazioni, scansionata in PDF o altro formato non modificabile, con allegato copia del documento di identità di chi firma la domanda;
  • Statuto o atto costitutivo o documentazione equipollente dell'associazione o della federazione tra associazioni, da cui si desumano nome e struttura dell'associazione o federazione, attività e funzioni esercitate e scopi perseguiti, redatt/tradotti in italiano;
  • Programma biennale 2016/2017 di attività dell'associazione o della federazione tra associazioni.

Nel modulo di domanda si prega di indicare anche il nome dell'associazione o della federazione tra associazioni come compare sullo statuto in lingua originale.

Si precisa che le dichiarazioni contenute nella domanda e la documentazione ad essa allegata, redatte o tradotte in italiano, sono rese ai sensi e per gli effetti del decreto del presidente della repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documantazione amministrativa) e trattate in conformità a quanto disposto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) e dalla normativa regionale in materia di protezione dei dati personali.

La competente struttura regionale si riserva di procedere a verifiche e controlli specifici e a campione, in conformità alla normativa vigente.

Attualmente le Associazioni degli emiliano-romagnoli nel mondo sono distribuite in 24 Paesi di tutti i continenti, eccetto l’Asia.

Azioni sul documento
Pubblicato il 30/11/2011 — ultima modifica 06/03/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it