Catalogo dell'emigrazione femminile

Mara (Marina) Mantovani

Nota biografica

Mara MantovaniMara nasce l’11 giugno 1951 nell’infermeria del vapore “Sestriere”, al largo delle coste dell’Uruguay; una circostanza che le è valsa il soprannome di “Marina”. La nave, battente bandiera italiana, era partita da Genova per essere diretta a Buenos Aires. Nella capitale argentina, Mara sbarca all’età di tre giorni, e da subito non fu chiaro quale cittadinanza le si dovesse attribuire: se italiana, argentina, addirittura uruguaiana? “Marina” ha trascorso la sua esistenza nel tentativo di farsi attribuire la cittadinanza italiana, ed essere in particolare iscritta all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero di Gualtieri. Soltanto dopo 56 anni e molti tentativi frustrati, le è arrivato il passaporto italiano, ma con nascita e iscrizione Aire attribuita alla città di Genova. Il marito Giannito Mattioli, nativo di Villa Cogruzzo di Castelnuovo Sotto, sintetizza la vicenda kafkiano-pirandelliana della moglie come una “vera odissea”. Per la prima volta nella sua vita, “Marina” si è così conquistata la libertà di uscire dall’Argentina. Il suo desiderio, non ancora soddisfatto, è quello di vedere l’Italia e la terra “nativa” d’Emilia. Verso la terra dei genitori prova un sentimento profondo e controverso di nostalgia. Da diversi anni, per addormentarsi, ascolta Eros Ramazzotti…

 

Luogo di provenienza: Santa Vittoria di Gualtieri (provincia di Reggio Emilia).

Principale luogo di destinazione: General Pacheco (Argentina).

Nota a commento

Come in un feuilleton, sin dalla circostanza della nascita, a bordo di una nave carica di emigranti italiani diretti in Argentina, l’esistenza di Mara “Marina” si dipana nella controversia dolorosa di un’attribuzione di cittadinanza per sé. Una storia emblematica che fa riflettere sull’identità irreparabilmente “doppia” di ogni destino migratorio.

Fonte:

Testimonianza resa ad Antonio Canovi nella propria abitazione, insieme al marito Giannito Mattioli, il 22 novembre 2007.

Azioni sul documento
Pubblicato il 04/06/2014 — ultima modifica 04/06/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it