Casa della memoria dell'emigrazione

Polenta, Rucola e Squacquerone (Pulenta, Rocla e Tumè)

polentaLa Polenta, rucola e squacquerone (Pulenta, rocla e tumè), è una ricetta della campagna faentina, più precisamente della Parrocchia di Sant'Andrea in Panigale, così chiamata perché situata nelle zone paludose ove si coltivava il panico e che esisteva già come centro abitato ed adibito a culto ben 1300 anni fa. È un piatto unico ideale per le giornate ancora fresche.

Ingredienti (per 4 persone)
500 g di farina gialla
acqua
sale
500 g circa di squacquerone
2 pugni di rucola
pane
uova
olio

Preparazione: cuocete la polenta con acqua e sale, sempre mescolando, per circa 45 minuti. Quando è pronta, stendetela su un piano di marmo precedentemente unto e lasciatela raffreddare. Tagliatela poi a grandi fette (circa 15x5 cm) e impanatele, passandole prima nell'uovo e poi nel pangrattato. Friggete le fette di polenta nell'olio bollente (un tempo si friggevano nello strutto), quindi spalmatele, ancora ben calde, con il formaggio squacquerone e guarnite con la rucola spezzettata. Da accompagnare con un buon Trebbiano di Romagna.

 

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/04/2015 — ultima modifica 12/04/2015
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it