Casa della memoria dell'emigrazione

La Torta di patate di Farini

Torta di patate di FariniLa Torta di patate di Farini è una ricetta tanto tipica che il comune di Farini ha ottenuto la Denominazione Comunale.  La torta di patate, è un piatto di riciclo della tradizione contadina, nato dall’esigenza di non sprecare le patate che, essendosi rovinate durante la raccolta, non potevano essere conservate per l’autunno.
La terza settimana di settembre, nel giorno dedicato a San Savino le patate ammaccate venivano bollite e quindi ridotte in purea con lo schiacciapatate.
Alle patate si univano poi un soffritto di lardo, burro cipolle e del formaggio grattugiato.
Con il ripieno così ottenuto si farciva una sfoglia, preparata con acqua, burro e farina che veniva poi cotta in forno.
La Festa della torta di patate, che si svolge ogni anno a Farini, è l’occasione ideale per assaporare questo piatto in un’atmosfera autentica immersi nello splendido scenario naturale dell’alta Val Nure ma se avete voglia di provarla e passate da quelle parte state certi che ne troverete una bella fetta in un forno o in un alimentari.

Ma vediamo la ricetta originale:

Ingredienti: 
- 1 kg di Patate
- un porro
- una cipolla
- 50 gr di formaggio grattugiato
- olio extravergine di oliva
- una noce di burro
- sale
-lardo

per la pasta:
- 2 hg di farina
- una noce di burro o se preferite 4 cucchiai di olio
- acqua
- sale
- un tuorlo d’uovo


Preparazione del ripieno
Soffriggere brevemente il porro e la cipolla finemente tritati nell’olio extravergine di oliva. Unire le patate preventivamente sbollentate e schiacciate. Aggiungere il formaggio grattugiato e il burro crudo.

Preparazione della sfoglia
La sfoglia, ovvero l’involucro della torta di patate, è costituita da un impasto di farina di frumento, burro, sale, acqua.
Lavorare gli ingredienti fino a ottenere un impasto morbido e malleabile.
Stendere la sfoglia e farcirla con uno strato di ripieno di circa 2 cm.
Richiudere parzialmente la sfoglia su sé stessa chiudendola a mano ed arricciando con pollice e indice le estremità.
Spennellare la superficie (ripieno e sfoglia) con tuorlo d’uovo sbattuto.
Infornare per mezz’ora o oltre a 220 °C.

Al raggiungimento della doratura uniforme, togliere dal forno e lasciare intiepidire.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 06/06/2014 — ultima modifica 06/06/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it