Casa della memoria dell'emigrazione

Mario Bagnolli, il talento della musica

Emigrato da Santa Vittoria di Gualtieri a Rosario, lavorò cinquant'anni come violinista nell'orchestra sinfonica della città argentina.

E' Andres Presello di Rosario a raccontarci la storia di un suo concittadino, Mario Bagnolli, violinista reggiano emigrato in Argentina.

Nato a Santa Vittoria di Gualtieri il 17 gennaio 1901, Mario Bagnolli nel 1928 decide di lasciare la sua Italia con la nave “principessa Giovanna”, per seguire il sogno di vivere di musica. Un parente di sua moglie che stava già in Argentina gli aveva offerto, L'Orchestra Sinfonica di Rosario oggiinfatti, la possibilità di lavorare come musicista. Mario, a soli 27 anni e accompagnato da sua moglie e sua figlia, sentiva nel suo intimo che non esistevano frontiere per realizzare le sue aspirazioni.

Appena arrivato in Argentina incomincia a lavorare nella città di Rosario come violinista nel cinema "La bolsa" (la borsa) dove sta solamente un anno, perché sfortunatamente, con l’arrivo del cinematografo sonoro, l'orchestra musicale rimane senza lavoro. Ma Mario, da bravo emiliano, non si dà per vinto e dopo poco tempo si unisce all'orchestra Sinfonica di Rosario, dove si esibisce per 50 anni fondando, nel frattempo, l'orchestra filarmonica della città.

Bagnolli ricordava sempre la sua famiglia di Gualtieri, mantenendo una continua corrispondenza soprattutto con la sorella Aika, e una relazione durevole, proseguita poi dalla figlia di Bagnolli, Maria Giovanna, con l’unica differenza che le lettere che inviava Maria Giovanna erano scritte in spagnolo e le lettere della sua zia che ritornavano erano scritte in italiano. Ma, dice  Giovanna, “ci capivamo senza nessun problema"

Vivace e cordiale, Mario suonava il violino due ore tutte le mattine nella sua casa, e al pomeriggio assisteva alle prove nell'orchestra. Diceva sempre che "per suonare bene uno strumento era necessario la pratica continua, perchè sempre si può migliorare" , e di questo i suoi due figli Enea e Maria Giovanna portano i più allegri ricordi.

Caro ed apprezzato dai suoi colleghi, Mario sentiva però che il tempo incominciava a pesare e nonostante le insistenze del direttore dell'orchestra, a 89 anni decise di abbandonare abbandonare il suo lavoro nell'Orchestra sinfonica di Rosario. "Non voglio ingannare il pubblico, né rubargli il denaro", diceva.

Sua figlia Maria Giovanna racconta che "in lui prevaleva sempre l’entusiasmo per il violino, ogni volta che arrivava qualche gruppo dall'estero come l'operetta della Spagna o quando lo contattavano come musicista nelle feste" sempre aveva al fianco il suo strumento.

Mario è morto nel 1997 a 96 anni e ci lascia una testimonianza preziosa della sua passione. Come dice la figlia: ogni volta che ascolto un pezzo di musica classica penso a lui.

Mario Bagnolli come tanti emigrati italiani ha mantenuto alti i valori della madre patria e ha predicato col suo talento musical, tutto quello che aveva imparato nella sua Emilia natale.

Azioni sul documento
Pubblicato il 17/02/2015 — ultima modifica 17/02/2015
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it